Noleggio a lungo termine: vento di ripresa

Nei primi nove mesi 2022 sono stati stipulati 445.530 contratti di noleggio a lungo termine di autovetture in Italia con una crescita dell'11,1 per cento rispetto al 2021 ma per una durata media che scende da 23 a 20 mesi.

L'analisi realizzata dall'UNRAE (in collaborazione con il ministero delle Infrastrutture e della mobilità sostenibili), conferma una quota del 15,3 per cento dei contratti agli utilizzatori privati (67.988 unità) in linea con lo stesso periodo del 2021, e una quota maggioritaria delle aziende non automotive, che pur crescendo in termini assoluti (304.835 unità vs 285.267) riducono il loro peso percentuale dal 71,1 per cento al 68,4 per cento.

Fra gli altri utilizzatori continua a crescere la quota delle Società di noleggio a lungo termine (NLT) che triplicano i volumi (da 10.028 a 29.686) e salgono dal 2,5 per cento al 6,7 per cento, principalmente per motivi legati alla disponibilità del prodotto e all'accesso al credito.

  • Assistenza, un 2023 da incorniciare
    22 febbraio 2024 - È novembre il mese in assoluto migliore di un 2023 molto positivo per l'assistenza. Dopo una leggera flessione tra settembre e ottobre, le attività di officina hanno raggiunto i livelli più alti nell'ultima parte dell'anno. Risulta dal Barometro sul sentiment del settore dell'assistenza auto elaborato dall'Osservatorio Autopromotec sulla base...

  • Aftermarket in crescita: +11,6%
    19 febbraio 2024 - Cresce il mercato dell'aftermarket nel 2023: +11,6 per cento sull'anno prima (che a sua volta aveva chiuso in rialzo del 7,8 rispetto al 2021), con il fatturato in aumento in tutte e cinque le famiglie prodotto che fanno parte del Barometro ANFIA. Balzo vistoso per i componenti undercar, +28,3 per cento dopo un 2022 a +10,9; in doppia...

  • Tornano gli incentivi per le 'colonnine'
    14 febbraio 2024 - Riaprirà domani 15 febbraio lo sportello 'bonus colonnine domestiche' per l'acquisto e l'installazione delle infrastrutture di ricarica per i veicoli elettrici effettuati tra il primo gennaio e il 31 dicembre 2023. Lo ha deciso il ministero delle Imprese e del Made in Italy "in considerazione delle risorse economiche ancora disponibili" (sul tavolo c'erano 40 milioni...

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni OK