Governo: occhi puntati sull’automotive

Al centro del vertice di questa mattina a Palazzo Chigi tra Giorgetti, Cingolani, Franco e Giovannini, coordinato dal sottosegretario Garofoli, il tema della crisi produttiva dell'automotive e dell'impatto della transizione ambientale su un settore in grave affanno.

Il ministero dello Sviluppo economico, il dicastero maggiormente coinvolto, avrebbe messo sul tavolo la richiesta di una politica di incentivi stabilizzati, almeno per un anno, per far ripartire urgentemente la produzione: una proposta che in termini di risorse prevederebbe 1,5 mld di euro per l'acquisto di auto e la contemporanea possibilità  di una rottamazione per un anno.

Ogni ministero inoltre avrebbe dato la propria visione convenendo di fatto sulla necessità di utilizzare lo strumento degli incentivi alla ricerca. Il tempo per le decisioni resta davvero scarso visto che la crisi incalza il settore. E a breve, infatti, seguirà un'altro incontro sempre alla presidenza del Consiglio.



  • Assistenza, un 2023 da incorniciare
    22 febbraio 2024 - È novembre il mese in assoluto migliore di un 2023 molto positivo per l'assistenza. Dopo una leggera flessione tra settembre e ottobre, le attività di officina hanno raggiunto i livelli più alti nell'ultima parte dell'anno. Risulta dal Barometro sul sentiment del settore dell'assistenza auto elaborato dall'Osservatorio Autopromotec sulla base...

  • Aftermarket in crescita: +11,6%
    19 febbraio 2024 - Cresce il mercato dell'aftermarket nel 2023: +11,6 per cento sull'anno prima (che a sua volta aveva chiuso in rialzo del 7,8 rispetto al 2021), con il fatturato in aumento in tutte e cinque le famiglie prodotto che fanno parte del Barometro ANFIA. Balzo vistoso per i componenti undercar, +28,3 per cento dopo un 2022 a +10,9; in doppia...

  • Tornano gli incentivi per le 'colonnine'
    14 febbraio 2024 - Riaprirà domani 15 febbraio lo sportello 'bonus colonnine domestiche' per l'acquisto e l'installazione delle infrastrutture di ricarica per i veicoli elettrici effettuati tra il primo gennaio e il 31 dicembre 2023. Lo ha deciso il ministero delle Imprese e del Made in Italy "in considerazione delle risorse economiche ancora disponibili" (sul tavolo c'erano 40 milioni...

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni OK