Fare benzina in... dialetto

Italiano, inglese, tedesco, spagnolo, francese e... dialetto. Curiosa iniziativa quella avviata da Eni che fa dialogare i suoi 1.700 terminali Eni Live Station con il cliente di turno nella lingua vernacolare del posto. Avviato a fine luglio in 17 impianti di distribuzione, il test è diventato prassi in quasi tutta Italia.

La compagnia petrolifera ha spiegato che il progetto rientra "nel contesto dell'evoluzione tecnologica dei terminali delle stazioni di servizio, perché la lingua vernacolare è una delle tradizioni che contraddistinguono i territori e contribuisce a creare un senso di appartenenza, offrendo spesso espressioni capaci di esprimere leggerezza, ironia e immediatezza che vengono utilizzate con disinvoltura in famiglia e nei contesti informali dalla maggior parte degli italiani".

E così, in Veneto l'automobilista si sentirà dire "Metti dentro i schei e speta" e a Milano "Aspetta un cicinin". Qualunque sia il dialetto, di sicuro strapperà un sorriso e, forse, farà dimenticare il rincaro di benzina e diesel. I messaggi vocali sono realizzati in collaborazione con l'azienda Fortech.

  • Assistenza, un 2023 da incorniciare
    22 febbraio 2024 - È novembre il mese in assoluto migliore di un 2023 molto positivo per l'assistenza. Dopo una leggera flessione tra settembre e ottobre, le attività di officina hanno raggiunto i livelli più alti nell'ultima parte dell'anno. Risulta dal Barometro sul sentiment del settore dell'assistenza auto elaborato dall'Osservatorio Autopromotec sulla base...

  • Aftermarket in crescita: +11,6%
    19 febbraio 2024 - Cresce il mercato dell'aftermarket nel 2023: +11,6 per cento sull'anno prima (che a sua volta aveva chiuso in rialzo del 7,8 rispetto al 2021), con il fatturato in aumento in tutte e cinque le famiglie prodotto che fanno parte del Barometro ANFIA. Balzo vistoso per i componenti undercar, +28,3 per cento dopo un 2022 a +10,9; in doppia...

  • Tornano gli incentivi per le 'colonnine'
    14 febbraio 2024 - Riaprirà domani 15 febbraio lo sportello 'bonus colonnine domestiche' per l'acquisto e l'installazione delle infrastrutture di ricarica per i veicoli elettrici effettuati tra il primo gennaio e il 31 dicembre 2023. Lo ha deciso il ministero delle Imprese e del Made in Italy "in considerazione delle risorse economiche ancora disponibili" (sul tavolo c'erano 40 milioni...

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni OK