Carburanti: taglio accise fino al 5 ottobre

Per continuare a calmierare i prezzi dell'energia, che nelle ultime settimane hanno raggiunto picchi mai visti, e con la prospettiva di bollette autunnali davvero salate, è in arrivo una nuova proroga degli aiuti per famiglie e imprese. In particolare, un decreto del ministero dell'Economia e del Mite stabilirà altri 15 giorni di taglio delle accise sui carburanti, in scadenza il 20 settembre.

L'intenzione di allungare gli sconti fino al 5 ottobre, era stata preannunciata già a inizio agosto con il varo del decreto Aiuti bis ma bisognava attendere i dati sull'extragettito Iva di luglio con cui la misura continua, in sostanza, ad autofinanziarsi.

Per le associazioni dei consumatori, convinte che dietro agli ultimi aumenti di benzina e gasolio ci siano solo speculazioni economiche, il taglio a tempo determinato delle accise non sarebbe però più sufficiente: servirebbero invece interventi strutturali e di lunga durata.

  • Assistenza, un 2023 da incorniciare
    22 febbraio 2024 - È novembre il mese in assoluto migliore di un 2023 molto positivo per l'assistenza. Dopo una leggera flessione tra settembre e ottobre, le attività di officina hanno raggiunto i livelli più alti nell'ultima parte dell'anno. Risulta dal Barometro sul sentiment del settore dell'assistenza auto elaborato dall'Osservatorio Autopromotec sulla base...

  • Aftermarket in crescita: +11,6%
    19 febbraio 2024 - Cresce il mercato dell'aftermarket nel 2023: +11,6 per cento sull'anno prima (che a sua volta aveva chiuso in rialzo del 7,8 rispetto al 2021), con il fatturato in aumento in tutte e cinque le famiglie prodotto che fanno parte del Barometro ANFIA. Balzo vistoso per i componenti undercar, +28,3 per cento dopo un 2022 a +10,9; in doppia...

  • Tornano gli incentivi per le 'colonnine'
    14 febbraio 2024 - Riaprirà domani 15 febbraio lo sportello 'bonus colonnine domestiche' per l'acquisto e l'installazione delle infrastrutture di ricarica per i veicoli elettrici effettuati tra il primo gennaio e il 31 dicembre 2023. Lo ha deciso il ministero delle Imprese e del Made in Italy "in considerazione delle risorse economiche ancora disponibili" (sul tavolo c'erano 40 milioni...

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni OK