RC auto, stangata in arrivo

Ai minimi oggi ma destinato a salire, entro il primo trimestre 2022, di più del 10 per cento. Stiamo parlando del premio medio RC auto in Italia che, secondo un'analisi di Facile.it, si tradurrebbe per gli automobilisti in una stangata da oltre 1,4 miliardi di euro.

Il comparatore ha messo in correlazione dati quali la media dei chilometri percorsi dai veicoli in circolazione (a settembre 2021 la percorrenza è stata del 40 per cento più alta rispetto a quella di febbraio 2020, fonte Waze), la frequenza dei sinistri stradali (il 23 per cento in più nel secondo trimestre 2021 nel confronto con lo stesso periodo del 2020, fonte Ania) e il rapporto tra sinistrosità e premi RC auto stimando che, per una polizza media, l'aumento il prossimo anno potrebbe arrivare a 35 - 40 euro.

Stando all'analisi di Facile.it realizzata su un campione di circa 185mila nuove polizze auto vendute, il premio medio rilevato a settembre 2021 è ancora ai minimi e pari a 296,5 euro, vale a dire il 6,5 per cento in meno rispetto allo stesso mese del 2020 e addirittura l'11,5 più basso se paragonato al 2019; questo significa che l'aumento dei sinistri non si è ancora riversato sulle tariffe assicurative. Ma è solo questione di tempo.

  • Euro NCAP, campioni di sicurezza
    8 dicembre 2021 - Cinque stelle per BMW iX, Genesis G70 e GV70, Mercedes EQ EQS, Nissan Qashqai, Škoda Fabia e Volkswagen Caddy, quattro per Nuova FIAT 500 ed MG Marvel R, una sola per Dacia Spring, nessuna per Renault Zoe. È la valutazione degli undici nuovi modelli testati nel sesto e ultimo appuntamento Euro NCAP di quest'anno...

  • Distributori a portata d’auto
    6 dicembre 2021 - In Italia sono in circolazione 1.755 autovetture per ogni impianto di distribuzione di carburante. Il dato emerge da un'elaborazione dell'Osservatorio Autopromotec sulla base dei dati dell'Aci, dell'Unem (Unione Energie per la Mobilità) e dell'Anagrafe degli impianti di distribuzione dei carburanti del Ministero dello Sviluppo Economico...

  • Bicicletta salvavita
    3 dicembre 2021 - 205.000 decessi evitabili, 1.257 solo in Italia, rafforzando la mobilità urbana in bicicletta fino ad azzerare, entro il 2050, gli spostamenti in auto in città. Lo sostiene la Colorado State University in una ricerca pubblicata su Environmental Health Perspectives che ha stimato l'impatto del ciclismo urbano nella fascia d'età 20-64...

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni OK