In Autoriparazioni Peverada Luigi
un ingegnere che guarda al futuro

È ingegnere meccanico, Franco Peverada, ma la sua laurea non l'ha dispensato dalla necessità di munirsi di 'patentino' Pes-Pav-Pei, ottenuto con il corso promosso da Doc all'interno del piano di formazione AsConAuto Academy. Siamo andati a trovarlo in Autoriparazioni Peverada Luigi, Point Service di Castel Goffredo (Mn).

Si è portato avanti?
In realtà l'elettrico non è così lontano come potrebbe sembrare, tanti automobilisti si stanno spostando sulle ibride, se non ancora sulle auto elettriche. Bisogna tenersi pronti, e il corso Pes-Pav-Pei, che alla fine è un corso sulla sicurezza, l'avevo già messo in programma. Se si vuole lavorare su un ibrido o su un elettrico ci vuole una figura ad hoc interna all'officina. Come mio padre, già qualificato.
È stato un corso interessante, affrontato anche con curiosità. L'unico 'limite' è stato quello di non averlo fatto dal vivo, perché magari davanti all'auto nascono dei dubbi che online non vengono...

Il suo ingresso in officina darà un nuovo impulso ad Autoriparazioni Peverada?
L'azienda si è sempre mantenuta al passo, da prima che arrivassi io la scorsa estate. Merito di mio padre, che ha avviato l'attività nei primi anni 80, e di dipendenti in gamba e volenterosi. Papà ha investito in strumenti di diagnosi, in attrezzature che ci permettono di riparare macchine dotate di supporti attivi alla guida, di ricalibrare i sistemi Adas. Siamo anche centro revisioni auto e moto, un giro di lavoro fisso che garantisce tranquillità e sicurezza. Gli ultimi aggiornamenti li abbiamo decisi e fatti insieme.

Siete legati a qualche marchio?
Siamo stati officina autorizzata Alfa Romeo, ora facciamo parte della Rete di Autoriparatori Point Service. Lavoriamo in quattro in una struttura di 300 metri quadrati coperti, riparando una media di dieci auto al giorno, dalla Panda alla Porsche. I nostri ingressi rispecchiano il circolante.

Qual è la scelta Peverada in fatto di ricambi?
C'è da fare qualche ragionamento, capire quanto il cliente è disposto a spendere, quanto ci tiene alla sua macchina... Noi, per tutto quello che è originale, che vuol dire più o meno la metà, ci appoggiamo a Doc. La mia esperienza con il consorzio è di pochi mesi, ma avere a che fare con tanti soggetti, le concessionarie, e avere in Doc un unico interlocutore, un unico canale di trasporto, una certa velocità nel farci avere i ricambi è importante. Oltre al fatto che Doc ci tiene aggiornati e abbiamo sempre un punto di riferimento.

Del rapporto con le concessionarie è soddisfatto?
Per ordinare i ricambi di solito ci interfacciamo direttamente con i magazzinieri per telefono, tante volte è il modo più diretto ed efficace per trovare la cosa giusta. 
Assistenza? In realtà ci capita abbastanza raramente di dover chiedere aiuto, in linea di massima ce la caviamo da soli; c'è anche da dire che se arriva qualcosa di estremamente specifico, su cui c'è poco margine di intervento, suggeriamo al cliente di andare in concessionaria, tendiamo a non fare da tramite. Il cliente non è necessariamente perso, anzi, magari apprezza.

Clienti fedeli?
Clienti di lunga data, fedeli e mai trovati scontenti o dubbiosi sulla qualità degli interventi fatti.

Come lo immagina il 2021?
È un momento di transizione, con l'ibrido che sta arrivando, con le nuove funzioni di assistenza alla guida su cui c'è tanto da studiare e imparare; si potrà dare valore aggiunto. Ho 33 anni, e oltre all'esperienza accumulata prima di entrare in officina, sono di una generazione già propensa a lavorare con certi strumenti.
Speriamo che si riesca a tenere sotto controllo il virus, che si possa tornare a essere tutti più tranquilli, e che l'economia torni a girare.

  • Altro che schiavi dell'auto!
    30 settembre 2022 - È noto che l'Italia, nel confronto con Regno Unito, Spagna, Francia e Germania, vanta due primati poco invidiabili: il tasso di motorizzazione più elevato (642 auto per 1.000 abitanti contro la media di 553 degli altri Major Markets), e il circolante più anziano (12,2 anni, seconda solo alla Spagna). Gli italiani, con più di un'auto in famiglia, 'usano...

  • Vetture volanti? Suzuki ci crede
    28 settembre 2022 - Suzuki Motor Corporation intende spiccare il volo rinforzando la partnership con SkyDrive, azienda giapponese impegnata nello sviluppo di "auto volanti" e "droni da carico". Con l'investimento, le due società rafforzeranno ulteriormente la loro partnership siglata a marzo 2022, cooperando con altre aziende investitrici per...

  • Auto, Pinterest per la Gen Z
    26 settembre 2022 - Il motore di ricerca visiva Pinterest aiuta i brand automobilistici a raggiungere la Gen Z, quindi i giovanissimi nati dopo il 1995. Per 8 potenziali acquirenti su 10 Pinterest è la piattaforma perfetta per scoprire nuovi marchi e prodotti auto; soprattutto, chi accede si dichiara pronto a procedere con l'acquisto una volta trovato il 'pin'...

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni OK