Mobilità green: ricaricare diventa un’odissea

Installare le colonnine di ricarica non basta: bisogna attivarle e tenerle libere dalle soste "abusive". È quanto emerge dall'indagine realizzata da Quattroruote a Milano e a Roma. In particolare, a penalizzare la rete nella Capitale è il mancato allacciamento dei punti di ricarica alla rete di distribuzione dell'energia: alla fine di aprile, infatti, soltanto per gli impianti dell'operatore Enel X, 130 delle 300 infrastrutture installate, risultavano scollegate dalla rete e quindi inutilizzabili a causa di iter burocratici interminabili.

Ma la burocrazia non è l'unico ostacolo alla mobilità digitale: l'indagine rivela, infatti, come in un giorno qualsiasi a Milano il 50 per cento degli stalli presso le colonnine di ricarica (26 su un totale di 51 visitate, sia nel centro storico, sia in aree più periferiche) fossero occupati abusivamente da auto con motore a combustione o elettriche e ibride non connesse all'impianto.

Colpa della maleducazione degli altri utenti della strada, nei confronti dei quali la polizia municipale non attua efficaci azioni di contrasto: soltanto su una delle vetture in sosta abusiva era, infatti, presente l'avviso d'infrazione.



  • Euro NCAP, campioni di sicurezza
    8 dicembre 2021 - Cinque stelle per BMW iX, Genesis G70 e GV70, Mercedes EQ EQS, Nissan Qashqai, Škoda Fabia e Volkswagen Caddy, quattro per Nuova FIAT 500 ed MG Marvel R, una sola per Dacia Spring, nessuna per Renault Zoe. È la valutazione degli undici nuovi modelli testati nel sesto e ultimo appuntamento Euro NCAP di quest'anno...

  • Distributori a portata d’auto
    6 dicembre 2021 - In Italia sono in circolazione 1.755 autovetture per ogni impianto di distribuzione di carburante. Il dato emerge da un'elaborazione dell'Osservatorio Autopromotec sulla base dei dati dell'Aci, dell'Unem (Unione Energie per la Mobilità) e dell'Anagrafe degli impianti di distribuzione dei carburanti del Ministero dello Sviluppo Economico...

  • Bicicletta salvavita
    3 dicembre 2021 - 205.000 decessi evitabili, 1.257 solo in Italia, rafforzando la mobilità urbana in bicicletta fino ad azzerare, entro il 2050, gli spostamenti in auto in città. Lo sostiene la Colorado State University in una ricerca pubblicata su Environmental Health Perspectives che ha stimato l'impatto del ciclismo urbano nella fascia d'età 20-64...

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni OK