Grezzana, in Autofficina Valpantena
i meccanici si diplomano Pes-Pav-Pei

Ha più l'aspetto di una concessionaria che di un'azienda di riparazioni, e il corso Pes-Pav-Pei a cui ha partecipato uno dei dipendenti racconta l'approccio da dealer del titolare di Autofficina Valpantena, Paolo Todeschini. L'abbiamo virtualmente raggiunto in Via Fusina 18 a Grezzana (Vr).

Dove c'è formazione c'è Valpantena?
È già un po' che ne parliamo, io ai miei ragazzi giro sempre le istruzioni tecniche, anche tecnico-commerciali sui prodotti elettrificati, full hybrid, plug-in… Siamo autorizzati Ford e qualche macchina mild-hybrid l'abbiamo già consegnata, è ora di metterci le mani anche in assistenza.
La nostra è una piccola officina con annessa rivendita; oltre a me c'è Michela in ufficio e ci sono due meccanici e diversi stagisti. Enrico è il responsabile tecnico e ha partecipato al corso, Giacomo lo farà alla prossima occasione. Sono loro che si occuperanno dei processi di manutenzione delle auto elettriche.

Enrico Fava che cosa le ha detto?
È rimasto soddisfatto. Il corso era il sabato mattina, quando io sono aperto con il salone. Si è 'sorbito' un po' la parte introduttiva, le norme comportamentali, ma è giusto che si accennino anche quelle. In linea di massima non gli è mancato il non poter essere in presenza, sono nozioni che si possono apprendere anche via computer.

Che cosa dobbiamo sapere della sua Autofficina Valpantena?
È stata fondata da mio padre nel 1962. Io sono entrato nel 1987, avevo già 24-25 anni, ero diplomato e reduce da un'altra esperienza lavorativa. Papà voleva aprire una finestra sul commerciale, cosa che allora non si faceva. Valpantena è nata come officina carri, officina pesante, nel tempo hanno iniziato ad arrivare le auto e con me si è sviluppata la vendita. Poi la parte autocarri è andata scemando e una quindicina di anni fa abbiamo rinnovato la struttura dando rilievo anche al salone.
La sede è di circa 500 metri quadrati, con un piano interrato di altri 400 adibito a magazzino, stoccaggio pneumatici - siamo anche gommisti - e deposito delle auto riparate e pronte da consegnare.

Com'è il giro di lavoro in questo anno tanto anomalo?
Nel nostro piccolo abbiamo subito una riduzione del 20-25 per cento, un po' più sulla vendita che sulla riparazione. Durante il lockdown l'officina è restata aperta, i ragazzi si davano il turno, venivano a cambiare qualche batteria… Invece il salone è rimasto chiuso tre mesi (con me dentro!).
Tra nuovo e usato vendiamo un centinaio di auto l'anno, ma anche se esternamente sembriamo più salone siamo metà e metà, anzi, forse siamo un po' più sbilanciati sull'assistenza. Approssimativamente, direi che ripariamo un 60 per cento Ford e il resto multimarca; non ci portano il Porsche, ma tante auto di fascia media e medio bassa. Si spera che i canali della vendita e dell'assistenza si alimentino a vicenda, l'importante è che il cliente arrivi e che manteniamo un approccio positivo.

Il cliente arriva e si ferma? È fidelizzato?
Alcuni sì, ma il cliente è cambiato moltissimo, non è detto che siccome è 'tuo fratello' viene da te; bisogna essere trasparenti, cordiali, trattarlo bene e... essere consapevoli che sei sempre in mezzo alla concorrenza. Ti chiedono preventivi anche per un cambio olio!

Che ricambi monta? 
Dipende dall'età della macchina, dalle tasche del cliente... La normativa sulla distribuzione dei ricambi prevede che il cliente possa scegliere tra originale e di concorrenza. La maggioranza, comunque, sono ricambi originali.
Ordiniamo per e mail o per telefono e Doc consegna. Siamo clienti da parecchio, Doc passa di qui tutti i giorni...

  • Mobilità intelligente: in Francia si fa sul serio
    12 aprile 2021 - Gli amministratori delegati di Renault, Stm, Atos, Dassault Systemes e Thales hanno annunciato la loro intenzione di unire le forze per creare "Software Republique", un nuovo ecosistema finalizzato all'innovazione nel settore della mobilità intelligente. Mettendo insieme le loro competenze complementari, si legge in una nota, i cinque gruppi...

  • Ecobonus già esaurito
    9 aprile 2021 - Decisivo per evitare il crollo delle immatricolazioni, insufficiente per coprire l'intero primo semestre. Stiamo parlando dello stanziamento di 250 milioni previsto dalla Legge di Bilancio che ha incentivato l'acquisto di vetture con emissioni di CO2 comprese tra 61 e 135 gr/km, quindi anche a benzina o diesel di ultima generazione, e che è andato...

  • Borse di studio per il futuro dell’auto
    7 aprile 2021 - Unrae, l'associazione delle case automobilistiche estere, ha pubblicato il nuovo bando per l'assegnazione di 10 borse-premio per le migliori tesi di laurea dell'anno accademico 2020-21 sul tema del marketing automobilistico. Le borse di studio istituite dall'Unrae, giunte quest'anno alla 21esima edizione, sono rivolte a tutti gli studenti...

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni OK