Cornelio Gambarini (Tomasi Auto),
"Il promoter Doc? Tanto di cappello"

Dal 1997 è 'Tomasi Auto', centro servizi completato nel 2011, dislocato su una superficie di cinquemila metri quadrati. Ma la storia di questa solida azienda di Guidizzolo (Mn) inizia alla fine degli anni 70, quando l'attuale titolare dà cognome e nome a Tomasi Giancarlo Autofficina. Con il responsabile service, Cornelio Gambarini, arriviamo al 2019.

Da sempre e per sempre nel segno di Fiat?
Tomasi Auto è autorizzata Fiat e Fiat Professional da quando è nata, ma il rapporto con Fiat è iniziato già negli anni in cui l'azienda era Tomasi Giancarlo Autofficina e non si è mai interrotto.
Di recente abbiamo avuto un ampliamento della struttura e dello staff: contiamo 23 ponti oltre a una buca attrezzata come camper service, e un organico di 19 tecnici, cinque accettatori, tre magazzinieri e otto addetti al lavaggio, oltre a me che sono responsabile service e lavoro per Tomasi dal 1982.

La crisi vi ha mai raggiunto?
Non l'abbiamo mai sentita, per noi sono sempre stati anni con il segno più. È cambiato il nostro modo di lavorare, di essere multibrand e servire clienti con vetture diverse dai nostri marchi. Facciamo assistenza ma anche vendita di nuovo e usato, sono canali che si alimentano a vicenda.
In media abbiamo 50 ingressi al giorno, Gruppo FCA incide per un 35 per cento. Il resto è in continuo cambiamento, soprattutto adesso che una fetta di clientela punto verso l'ibrido, quindi verso Toyota, Lexus... Ma anche Ford, Gruppo PSA, le tedesche hanno un peso rilevante. Elettrico? Per ora solo Tesla.

Officina meccanica pura?
E carrozzeria, lavaggio, servizio gomme, stoccaggio pneumatici. Non abbiamo un centro revisioni nostro ma uno collegato alla struttura.

Assicurazioni e noleggio sono un altro filone di business?
Abbiamo anche il noleggio 'nostro'. Con l'ampliamento dell'officina l'abbiamo inglobato nella struttura. Il marchio è Noleggiare, 21 sedi operative in tutta Italia. Quanto alle assicurazioni, vendiamo le nostre polizze, Tomasi Auto, che vanno dall'RC all'incendio e furto passando per la kasko.

Rispetto ai ricambi qual è la politica del Gruppo?
Originale tutto quello che riguarda i veicoli FCA. Originale perché? Perché con il servizio Doc ci arrivano di tutte le marche, e poi su molti ricambi non c'è nemmeno una differenza di prezzo che giustifichi una scelta diversa. Potendo scegliere scegliamo anche la qualità del servizio.

Siete clienti Doc da tanto?
Da sempre. Poter avere la consegna da tutti i concessionari tutti i giorni, due volte al giorno, era quello che ci serviva. E poi c'è Stefano (Azzolini, promoter di riferimento, NdA), uno storico anche lui, ci conosciamo da tanti anni, assolutamente bravo e presente quando serve, tanto di cappello.

I ricambi come li ordina?
Un po' con Integra e un po' per telefono, ma ci vorrebbero altri canali ancora più diretti, WhatsApp per esempio, per poter dialogare in modo istantaneo. Tutti i nostri accettatori usano, per relazionarsi con il cliente finale, un numero di WhatsApp dedicato, perché non dovremmo poter fare un ordine con lo stesso sistema?

So che Tomasi Auto ha vinto il viaggio della campagna AsConAuto 'L'Originale Ti Premia' a Santo Domingo. Chi è partito?
Giovanni Agugiaro, il nostro responsabile amministrativo. "Vai tu", gli ho detto, "hai un bambino piccolo, è il momento giusto". Io avevo già viaggiato con la Doc ai tempi dei Tour Incontri.

Per salutarci... In Tomasi Auto perché?
Perché no? Qui trova tutto! Mi dica lei quello che non trova, se c'è qualcosa che non trova...

  • Auto green: Lombardia al top
    15 giugno 2019 - È la Lombardia la regione top per immatricolazioni di vetture 'green' e per incidenza sul totale vendite (7,3 per cento), ma a crescere maggiormente sono la Puglia (+86,2 per cento), la Toscana (+69,8) e il Molise (+65,9). In calo la Valle d'Aosta: -5,2 per cento. Risulta dall'elaborazione del Centro Studi di AutoScout24 su base dati ACI del periodo...

  • Morti su strada: allarme due ruote
    12 giugno 2019 - Il 28 per cento dei decessi per incidenti stradali in Italia riguarda conducenti di motociclette (24 per cento) e ciclomotori (4 per cento), tra le percentuali più alte dell'Ue. È l'istantanea di un rapporto dello European Transport Safety Council che fa il punto sulla sicurezza stradale in tutta Europa. Secondo il documento le morti sulla strada stanno...

  • ADAS, i più amati dai genitori
    10 giugno 2019 - Uno studio condotto su mille adulti patentati e con figli. Sul tema ADAS, Nissan ha scelto di concentrarsi su una tipologia di automobilisti più a rischio distrazione, soprattutto quando i bimbi sono piccoli. Non sorprende che il 43 per cento abbia dichiarato che la sua prossima auto dovrà essere dotata di sistemi di assistenza alla...

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni OK