Matteo Todesco (Carrozzeria Todesco),
"Il mio nome è tutto"


"La nostra fortuna più grande è stata che papà vedeva lontano". Tale padre, tale figlio... Chiacchierare con Matteo Todesco - e dico proprio chiacchierare perché una brutta influenza lo costringe lontano dalla sua carrozzeria a Caprino Veronese e il tempo da dedicarmi non gli manca - è fare una full immersion in una realtà che guarda prima di tutto alla persona, che sia il cliente, il magazziniere o il promoter. Una filosofia lungimirante.

Cominciamo con papà Leris?
Nel 1983. Papà ha iniziato da solo e ci ha lasciati liberi - noi tre figli - di scegliere. Io facevo il grafico pubblicitario, poi a vent'anni, dopo che nel '99 la vecchia carrozzeria è andata in fiamme e papà ne ha presa un'altra in affitto, mi ha fatto la sua proposta: "Se vieni a lavorare con me, tra un paio d'anni compriamo e ti lascio l'attività". E così è stato. Il lavoro avevo iniziato a impararlo da bambino, dopo la scuola e in estate: so verniciare, raddrizzare, smontare, montare e lucidare; per fare bene un preventivo devi essere in grado di fare tutto.
Oggi siamo soci io e mio fratello Luca che ha 36 anni, due meno di me, mentre Stefano, che ne ha 22 e da un anno e mezzo lavora con noi, non è ancora in società.
Nostro padre è in pensione e fa le pubbliche relazioni, segue il commercialista... Abbiamo anche due dipendenti.

A spazi come siete messi?
Ancora per un annetto la struttura è... in comproprietà con la banca! Nel 2006 abbiamo preso un capannone e lo abbiamo modificato come serviva a noi, funzionale alle nostre esigenze. Sono 600 metri quadrati coperti, un po' pochi; venivamo da 200 metri e ci era sembrata una pista di pattinaggio, ma nel giro di sette, otto anni è diventata piccola per il nostro giro di lavoro.

Quanto lavoro?
Abbiamo raggiunto l'apice nel 2017: con la grandinata di ferragosto, 15 minuti come non se ne erano mai visti, abbiamo avuto 450 incarichi e accettati circa 300. Abbiamo dovuto chiamare due levabolli professionisti che stanno finendo gli ultimi lavori in questi giorni.
Oggi siamo sui dieci-quindici ingressi a settimana. L'80 per cento è una clientela assicurativa e il restante 20 privata. È una clientela fidelizzata, che copre un territorio vasto dove non ci sono altre carrozzerie o quelle che ci sono non sono in grado di riparare certi veicoli. Il grosso comunque arriva dal circondario.
La nostra fortuna più grande è stata che papà vedeva lontano: abbiamo cominciato a convenzionarci già nel 2003, prima che diventasse un 'obbligo' e trovando un punto di incontro. Noi non ripariamo in modo antieconomico, privilegiamo sempre la qualità verso il cliente. Il mio nome è tutto, non ha senso rovinarselo per avvantaggiare una società assicurativa, per la quale sei solo un numero. Qualità e trasparenza sono valori imprescindibili.

Che cosa riparate?
Multimarca. Siamo stati autorizzati Fiat fino al 2006-2007, ma non c'era convenienza, non ne valeva la pena. Ripariamo tanto Volkswagen-Audi, i marchi che nella nostra zona girano di più.
Fornisco qualunque servizio di cui il cliente necessiti: soccorso stradale, disbrigo pratiche... ma la mia attività è un'attività di carrozzeria. Una cosa ma fatta bene. E mi faccio un punto d'onore di non aver mai sostituito un tetto: ho riparato il cento per cento dei tetti per non intaccare la scocca.

Quando invece deve sostituire che ricambi sceglie?
Se il danno è coperto dall'assicurazione, solo ricambi originali. Ciò che compro è ciò che vendo: trasparenza al cento per cento, tutto documentato e tutto fotografato. Però con solo ricambi originali non puoi essere competitivo, con il cliente privato un po' si va sull'usato e un po' sulla concorrenza. L'anno scorso, comunque, ho acquistato 110mila euro di ricambi originali.

Presso le concessionarie Doc? Come si trova con il consorzio?
Benissimo. Tra l'altro venerdì Alessandro (Eccli, promoter di riferimento, NdA) mi ha fatto una cortesia grandissima, una consegna extra, e oggi non posso che parlarne bene. Battute a parte, con Doc andiamo bene perché ci risolvono il grosso problema di andare a prendere i ricambi. Per noi è fondamentale avere un partner che fa questo tipo di servizio.
Io ho una carrozzeria organizzata, dove si lavora sul programmato: quando ho i ricambi faccio entrare il lavoro, quindi una consegna al giorno, nel primo pomeriggio, mi basta.
I colli non vanno smarriti (e la tracciatura è arrivata anche da noi), i ragazzi sono sempre molto puntuali e se possono anticipare anticipano, Alessandro è molto disponibile...

Ordina con Integra? 
Sono ancora vecchia maniera, preferisco usare il telefono o fare l'ordine con WhatsApp. Mi piace poter parlare con il magazziniere, negli anni mi sono fatto voler bene da tutti.
Io non guardo tanto lo sconto quanto il magazziniere: cinque punti saranno anche tanti, ma se in concessionaria non hai una persona competente i cinquemila euro che risparmi li lasci dal dottore. Io cerco di essere puntuale nella consegna, e se il magazziniere tarda mi viene il mal di pancia.

Puntualità è uno dei punti di forza di Carrozzeria Todesco?
La parola è tutto. Se ti do un prezzo o una tempistica mantengo quello che dico. Da me non trovi sorprese.
Altrettanto importante è la qualità. Anche un'auto riparata in economia rispetta certi standard, quando consegno un'auto deve andare bene prima di tutto a me.

Prima di salutarci mi dice del suo viaggio premio a Santo Domingo?
Sono partito con mia moglie Francesca, a Santo Domingo non eravamo mai stati. È andato tutto benissimo: bel posto, bel servizio, siamo stati trattati divinamente. Io non sono capace di rimanere fermo nel villaggio, ho fatto tutte le escursioni che si potevano fare, in più il mio telefono non prendeva e quindi è stata una vera vacanza (anche perché ho lasciato a Caprino una settimana leggera e organizzata).

Zero lavoro?
Mi sono confrontato con tanti ragazzi riparatori, si è creato subito il gruppo. Ho avuto la possibilità di fare due chiacchiere anche con Giuliano (Guarnieri, capoconsorzio, NdA). In viaggio riesci a scambiarti informazioni con i colleghi, con cui altrimenti non potresti avere un confronto, una cosa utile.

A casa che cosa ha portato?
Il rum!

  • Auto green: Lombardia al top
    15 giugno 2019 - È la Lombardia la regione top per immatricolazioni di vetture 'green' e per incidenza sul totale vendite (7,3 per cento), ma a crescere maggiormente sono la Puglia (+86,2 per cento), la Toscana (+69,8) e il Molise (+65,9). In calo la Valle d'Aosta: -5,2 per cento. Risulta dall'elaborazione del Centro Studi di AutoScout24 su base dati ACI del periodo...

  • Morti su strada: allarme due ruote
    12 giugno 2019 - Il 28 per cento dei decessi per incidenti stradali in Italia riguarda conducenti di motociclette (24 per cento) e ciclomotori (4 per cento), tra le percentuali più alte dell'Ue. È l'istantanea di un rapporto dello European Transport Safety Council che fa il punto sulla sicurezza stradale in tutta Europa. Secondo il documento le morti sulla strada stanno...

  • ADAS, i più amati dai genitori
    10 giugno 2019 - Uno studio condotto su mille adulti patentati e con figli. Sul tema ADAS, Nissan ha scelto di concentrarsi su una tipologia di automobilisti più a rischio distrazione, soprattutto quando i bimbi sono piccoli. Non sorprende che il 43 per cento abbia dichiarato che la sua prossima auto dovrà essere dotata di sistemi di assistenza alla...

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni OK