Alessandro Sartore: "Bisogna essere
pronti prima, perché dopo è tardi"

Prima che l'intervista inizi Alessandro Sartore mi chiede di guardare su Youtube un paio di suoi video: in uno spiega come si esegue la sostituzione dell'olio di un cambio automatico Audi e nell'altro l'importanza della calibrazione degli Adas. Entrambi sono in cima ai risultati della ricerca per parola chiave. Finita l'intervista, mi manda due brevi filmati che raccontano lo stage nella sua officina secondo i diretti interessati, due studenti dell'Enaip di Legnago. Se è un modo per farsi pubblicità, il titolare di Sartore Service a Coriano (Vr) ci ha azzeccato in pieno.

Ma non è 'solo' un modo per farsi pubblicità...
Volevo parlare ai miei clienti, comunicare direttamente con loro. Ma è vero che dopo la pubblicazione su Youtube di quelli che considero i video più importanti - sul cambio automatico, gli Adas, l'idrogeno - sono arrivati clienti nuovi. Da San Bonifacio, da Verona città...

Ci dica della sua azienda.
È stata fondata negli anni 60 da papà Giovanni, per tutti Giannetto. Io di anni ne ho 53 e sono sempre stato qui, anche se è solo dopo il militare che ho capito quello che volevo fare. Papà aveva un'altra mentalità, una giornata di formazione gli sembrava tempo perso, comprare il computer una pazzia. Però, anche grazie a mamma che l'ha convinto, alla fine degli anni 90 si è fatto da parte e io nel 2000 ho aperto con la mia partita Iva.
La sede è ancora la stessa, circa 400 metri quadrati coperti dove lavoriamo in tre, oltre a mio cugino che tiene la contabilità e a uno stagista che vale come il quarto; faccio con lui quello che non ho potuto fare io, che sarei stato stagista h24. Il primo stagista che è arrivato con Enaip è rimasto qui.

Che servizi offrite?
Tutto quello che è meccatronica, anche servizio gomme e assistenza sugli impianti a gas e metano. Una metà degli ingressi sono vetture con il cambio automatico, sono un riferimento per diversi colleghi.
Riparo multimarca, è stata una scelta quella di non legarmi a un brand, troppi obblighi e troppi oneri. Entrano anche veicoli commerciali, tre su dieci sono furgoni fino ai 35 quintali, ma il grosso sono vetture, dall'utilitaria all'alto di gamma, tante BMW, Audi, Mercedes…
Ogni intervento è registrato sul libretto elettronico, è scritto nella rete ufficiale, in questo modo non si perde lo storico e si semplifica il lavoro al meccanico che dovesse metterci le mani.

L'elettrico comincia a vedersi?
Posso dirle quello che penso? Per me il futuro non sarà l'elettrico ma l'idrogeno. Per ora ibrido ed elettrico sono poca cosa, anche perché non c'è la sicurezza che la Casa risponda della batteria, per dire, se non l'ha toccata la concessionaria. Non è un problema di competenze ma di rischio di garanzia che decade. Sul motore termico, invece, nessun problema anche con i veicoli ancora in garanzia.

Dopo la pandemia il ritmo di lavoro è tornato regolare?
Io della pandemia non mi sono nemmeno accorto, abbiamo lavorato a porte chiuse, smaltendo gli arretrati e riparando le macchine che i clienti mi lasciavano qui fuori. Semmai sono andato in crisi, tanto, totalmente, con i corsi di aggiornamento: si facevano online però mancava la presenza.
Oggi abbiamo appuntamenti a 8-10 giorni, sempre un po' con l'acqua alla gola ma fa parte del gioco.

Qual è la politica Sartore in fatto di ricambi? 
Quando hai un ricambio legato a un congegno elettrico ed elettronico - per esempio le valvole egr - oppure attuatori che hanno una parte elettronica e meccanica, l'originale è sempre meglio. Con i ricambi di concorrenza, anche quella buona, può andar bene ma può andar male.
Il furgone DOC, comunque, è qui quasi tutti i giorni, sono diventato cliente subito. Tra gli ordini con il portale e il furgone che arriva e tu non ti muovi... una cosa fantastica.
All'inizio ARiA non l'avevo proprio considerata, e invece risparmio tempo, resta una traccia perché è tutto scritto e gli sbagli si riducono. Il portale è tanta roba.

Delle concessionarie è soddisfatto?
Delle aziende legate a DOC i magazzinieri sono stradisponibili, ma per l'assistenza mi appoggio a una rete di tecnici. Sì, capita di chiedere aiuto al capofficina della concessionaria, ma solo in casi eccezionali, so che cosa vuol dire essere interrotto mentre stai lavorando.

Che cosa scriverebbe sul suo biglietto da visita?
'Pulizia e ordine', la nostra migliore qualità inizia da qui. Poi, certo, investiamo, ci aggiorniamo, siamo proiettati in avanti... Se parliamo degli Adas, per esempio, già due anni fa ho acquistato l'attrezzatura per fare le calibrazioni. Le macchine sono sempre più sofisticate e devi essere pronto prima perché dopo è tardi.

  • Il Salone di Ginevra trasloca in Qatar
    1 febbraio 20223 - Si svolgerà tra il 5 e il 14 ottobre prossimi il Salone Internazionale dell'Automobile di Ginevra Qatar 2023, insolita denominazione che unisce una promettente iniziativa nell'ambito del Medio Oriente con una delle più affermate esperienze espositive motoristiche, appunto il Salone di Ginevra. Il GIMS (Geneva International Motor Show)...

  • Legambiente, è sempre più Mal'Aria
    30 gennaio 2023 - È un podio da maglia nera, anzi da Mal'Aria, quello conquistato da Torino, Milano e Asti, rispettivamente prima, seconda e terza classificata nel Rapporto condotto da Legambiente sull'inquinamento atmosferico di 95 città italiane. Insieme a Modena, Padova e Venezia, l'anno scorso le tre città hanno registrato più del doppio degli...

  • Mercato usato 2022: la crisi si è fatta sentire
    27 gennaio 2023 - Pur confermandosi come canale preferito dagli italiani, il mercato delle auto usate nel 2022 segna un'inversione di tendenza, registrando un calo del 10,2 per cento dei passaggi di proprietà netti (2.725.019) rispetto al 2021. Lo rende noto una ricerca di AutoScout24. Secondo l'analisi, nell'usato il diesel continua a mantenere...

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni OK