Davide Pezzo rieletto presidente,
confermato anche il Cda

"Ci hanno riconfermato perché hanno visto gli ottimi risultati". Potrebbe attribuirsi dei meriti personali, Davide Pezzo, ma non è nel suo stile. Al presidente di DOC Mantova-Verona-Vicenza (nella foto in home page a sinistra, accanto al vicepresidente AsConAuto Rinaldo Rinaudo all'ultimo Dealer Day), appena nominato alla guida del consorzio per il quarto triennio consecutivo, viene più naturale il 'noi'.

A me viene naturale chiederle chi gliel'ha fatto fare: in questo momento storico gli oneri sono più degli onori...
È vero, ma la performance del consorzio nel 2021 e in questo primo semestre 2022 ci dice che abbiamo lavorato bene. E siccome squadra che vince non si cambia, per citare il noto proverbio, abbiamo deciso di ricandidarci in blocco.

E in blocco siete stati rieletti?
L'assemblea soci ha votato all'unanimità. Io sono stato riconfermato presidente, Stefano Trivellato vicepresidente, Paolo Strabello, Stefano Bendinelli, Federico Togni e Mauro Bossoni consiglieri. Da sempre il Cda del consorzio esprime sei consiglieri, due per ogni centro di costo, quindi Mantova, Verona e Vicenza.
A differenza degli altri concessionari, però, con i quali ci vediamo di fatto solo in occasione dell'assemblea soci, noi del Consiglio di amministrazione ci incontriamo regolarmente una volta al mese, ci sentiamo per telefono, abbiamo un gruppo WhatsApp... L'interazione costante porta a decidere in modo concorde, la regola aurea è che non passa nulla che non sia stato approvato all'unanimità.

Sarà stata una soddisfazione approvare il bilancio 2021. Mi dà qualche numero che renda l'idea dell'operato del consorzio?
Prima di darle delle cifre, mi lasci dire che anche in relazione al mondo AsConAuto siamo sempre sul podio in termini di fatturato trasportato, di indice di insolvenza, di incidenza costi.
Abbiamo archiviato il 2021 con 60 milioni di euro di fatturato trasportato e le previsioni per quest'anno sono di chiudere a 70; in sette anni abbiamo raddoppiato il fatturato, passando dai 35 milioni del 2015 ai 70 attesi per il 2022. L'incidenza costi è del 3,8 per cento, bassa abbastanza da permetterci di accumulare un 'tesoretto' per eventuali tempi bui; il tasso di insolvenza è dello 0,07 per cento, e questo dice moltissimo della qualità e della solidità della rete di autoriparatori affiliati.

Che sono?
Parliamo di 1.126 officine e 380 carrozzerie che si approvvigionano di ricambi originali presso 69 concessionarie socie. L'anno scorso sono stati consegnati 32mila colli ogni mese, circa 800 al giorno, percorrendo quotidianamente 6.600 chilometri per un totale di un milione e 690mila chilometri. La struttura del consorzio, ottimamente gestita dal nostro Giuliano Guarnieri, conta un'amministrativa, 27 logistici e 7 promoter. E poi i partner, sempre strategici, sempre al nostro fianco e sempre, e questo è un punto su cui non insisterò mai abbastanza, troppo poco utilizzati.

Colpisce, tra gli altri che ha detto, il numero delle concessionarie: 'solo' 69...
Erano 80 quando siamo partiti, alcune hanno cessato l'attività, altre sono state assorbite. Ma anche se si sono ridotte le Partite Iva i magazzini sono rimasti gli stessi. In più, facendo parte di AsConAuto, in caso di marchi non presenti copriamo questa lacuna con concessionarie di altri consorzi. Gli autoriparatori nemmeno se ne accorgono...

La preoccupano i cambiamenti in atto nel settore automotive?
Il mercato automotive sta passando e passerà un periodo di grossi cambiamenti, sia per la distribuzione delle auto che per la distribuzione dei ricambi. Ma i consorzi - DOC e tutti gli altri della rete - resteranno fondamentali, perché la consegna dell'ultimo miglio spetterà alla logistica e quale migliore logistica di AsConAuto?
Ecco perché dialoghiamo con le Placche esistenti e dialogheremo con quelle che nasceranno e per le quali AsConAuto è un interlocutore di riconosciuta affidabilità.

A proposito di AsConAuto, una quarantina di affiliati DOC è appena rientrata dal viaggio OTP L'Originale Ti Premia in Puglia...
Un trionfo. Ho parlato con i due consiglieri, Togni e Trivellato, che non avevano mai partecipato a un nostro viaggio premio e che sono rimasti colpiti dalla professionalità del tour operator Daiana Incentive, dalla bellezza delle location, dalla qualità del servizio, e da uno spirito di squadra fortissimo. I nostri clienti ci hanno chiesto se ci saranno altri viaggi e, beh, posso dire che ci stiamo lavorando.

  • Multe, Milano batte tutte
    15 agosto 2022 - È Milano a guidare la classifica delle città italiane che nel 2021 hanno incassato di più grazie alle multe stradali (102,6 milioni di euro per sanzioni da violazione del codice, di cui quasi 13 da autovelox), ma a Bologna spetta il primato della sanzione media procapite più elevata (96 euro). Sono dati pubblicati sul portale del Ministero dell'Interno...

  • Assicurazioni, il settore auto non cresce
    13 agosto 2022 - Diminuisce la raccolta premi del settore vita, che nel primo trimestre 2022 è stata di 27,3 miliardi di euro, l'8,8 per cento in meno rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso; in aumento quella del settore danni, che è stata di 10,2 miliardi, il 4,6 per cento in più rispetto al primo trimestre 2021. Lo rende noto l'Ivass, l'Istituto per la Vigilanza...

  • Buoni benzina, truffa via WhatsApp
    10 agosto 2022 - Comparsa per la prima volta a marzo, nei giorni immediatamente successivi all'invasione dell'Ucraina, e prontamente segnalata dal sito Bufale.net, la truffa dei buoni benzina in regalo "per protesta contro il governo e la guerra" torna a colpire via WhatsApp. Il messaggio recita testualmente: "Da oggi tutte le stazioni Eni regaleranno...

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni OK