Pierluigi Pasetti, "Ci conoscono
come quelli che risolvono i problemi"

I suoi ricordi di bambino sono "i compagni che giocano a calcio e io che smonto e rimonto modellini di auto". Qualche decennio dopo, la passione di Pierluigi Pasetti è ancora la stessa, anzi, è cresciuta con lui: 65 anni compiuti e nessuna volontà di andare in pensione, il meccanico di Bozzolo (Mn) è a capo di Pasetti Elaborazioni. L'officina tradizionale, va da sè, non gli bastava...

Riavvolgiamo il nastro?
Sono un autodidatta, nessun meccanico in famiglia ma papà che faceva il camionista. È stato lui a mettermi a disposizione il capannoncino dove teneva i mezzi e dove ho mosso i primi passi. Pasetti Elaborazioni nasce nel luglio 1985, la sede nuova è del 2010 (nella foto in home page, Pierluigi Pasetti, il figlio Daniele e il sindaco di Bozzolo, nda).
La mente ha sempre corso e non si ferma nemmeno oggi. Oltre la preparazione - quella di motori per competizioni sportive mi ha spinto a fondare il Tienne Racing Team, scuderia che ha gareggiato con buoni risultati dal 1993 al 2010 - e le elaborazioni che sono la chicca e che hanno bisogno di poco spazio, negli anni 2007-2008-2009, anni terribili in cui le vacche grasse scarseggiavano, mentre altri si tiravano indietro io mi lanciavo: alla preparazione delle moto, filone in esaurimento, abbiamo affiancato la riparazione delle auto, dei camion, degli escavatori, poi l'oleodinamica e infine il servizio gomme per i camion, le auto, le moto.
Lavoriamo a 360 gradi, qualunque sia il mezzo con cui si arriva qui trova assistenza.

Qui dove?
Un capannone di 1.500 metri coperti dove abbiamo installato anche la linea revisioni per veicoli fino ai 35 quintali. All'esterno, in un'area di 250 metri, facciamo invece le revisioni dei camion (siamo punto di riferimento anche per l'esercito di Cremona).
Io sono titolare unico affiancato da mio figlio Daniele, che segue in particolare l'auto e l'elettronica legata alle vetture; abbiamo cinque dipendenti.

Ha accennato agli anni terribili... quelli della pandemia come sono stati?
Nel 2020 abbiamo integrato la manutenzione dei mezzi per la raccolta rifiuti, che non sono mai stati fermi, e abbiamo avuto un incremento di fatturato. È calato il lavoro con il privato, con le auto, ma noi avevamo il piano B: l'oleodinamica e la manutenzione dei mezzi pesanti e delle macchine movimento terra.
Oggi il grosso del lavoro di officina è sui camion, comprese prerevisioni e revisioni, e poi l'elettronica delle vetture. Il segreto è fare solo le cose che si sanno fare bene, abbiamo la fama di quelli che risolvono i problemi. Ogni tanto spero in un semplice tagliando, invece, sempre situazioni disperate. Percentuale di insuccesso? Zero.

Restando multimarca?
Per scelta. Ci hanno corteggiato, ma ho sempre detto di no perché non voglio sentirmi legato, essere obbligato a fare certi budget. Ho detto no anche alle convenzioni con le compagnie di noleggio (avevamo provato con le Poste, ma tutti gli anni c'era da togliere un euro, è finita che hanno tolto loro i motorini). Io mi ritrovo nell'artigiano che ripara.

Quanto?
In questi giorni mi sono entrati cinque camion da Padova, ma abbiamo clienti anche da Piacenza, Brescia, dalla Liguria... Ce n'è uno che ha una flotta di una quindicina di Scania e per l'ultimo che ha acquistato ha preteso di poter venire da noi a fare manutenzione.
In una settimana possono essere 15-16 vetture e 2-3 camion. La Panda come il Ferrari, accogliamo tutto. Questa mattina, per dire, ho riparato un Lamborghini e oggi pomeriggio mi aspetta una Panda 4X4 del 1986.
Offriamo anche il servizio di soccorso, con tre carroattrezzi di proprietà, di auto, furgoni e camion (solo per i nostri clienti).

Leggo sul vostro sito che fate anche restauro...
Ho appena finito di restaurare uno Scania 143h di 42 anni, tirato a nuovo di vernice e di meccanica. Erano pronti con la fiamma ossidrica, l'abbiamo salvato dal taglio, rimesso a posto e, se facciamo una prova, le dico che va più forte e inquina meno dei camion nuovi che ci sono in giro oggi. Se i miei clienti mi ascoltano, con l'elettrico stanno belli fermi. Tra costi di produzione dei veicoli e di smaltimento delle batterie, sarà una devastazione unica. Meglio un diesel Euro 7, pulitissimo.
La mitica Fiat 131, o una Lancia Delta del '78... spendi 1.500 per trasformarla a Gpl, farla diventare un Euro 6 e vai nei centri storici, non consumi, non inquini e non abbiamo prodotto rifiuti.

Qual è la politica Pasetti in fatto di ricambi? 
L'originale monta meglio, è curato un filo di più e funziona, mentre il parallelo fai fatica a installarlo ed è difficile che riesca a funzionare. Dove possiamo far risparmiare lo facciamo ma senza rinunciare all'affidabilità. Un disco freno, per esempio: se dopo 100 chilometri vibra lo sterzo che cosa gli dici al cliente? Con il disco freno originale sai che farà 50mila chilometri senza problemi.

Quando è originale arriva in Via Cremona con un furgone DOC?
Da tre anni. Ci ha consigliato il servizio un carissimo amico, abbiamo intrapreso questa strada e ci troviamo bene. Quando serve passano due volte al giorno, la consegna vuol dire tanto, ma soprattutto trovano il ricambio dov'è, anche fuori dai confini del consorzio.

  • Multe, Milano batte tutte
    15 agosto 2022 - È Milano a guidare la classifica delle città italiane che nel 2021 hanno incassato di più grazie alle multe stradali (102,6 milioni di euro per sanzioni da violazione del codice, di cui quasi 13 da autovelox), ma a Bologna spetta il primato della sanzione media procapite più elevata (96 euro). Sono dati pubblicati sul portale del Ministero dell'Interno...

  • Assicurazioni, il settore auto non cresce
    13 agosto 2022 - Diminuisce la raccolta premi del settore vita, che nel primo trimestre 2022 è stata di 27,3 miliardi di euro, l'8,8 per cento in meno rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso; in aumento quella del settore danni, che è stata di 10,2 miliardi, il 4,6 per cento in più rispetto al primo trimestre 2021. Lo rende noto l'Ivass, l'Istituto per la Vigilanza...

  • Buoni benzina, truffa via WhatsApp
    10 agosto 2022 - Comparsa per la prima volta a marzo, nei giorni immediatamente successivi all'invasione dell'Ucraina, e prontamente segnalata dal sito Bufale.net, la truffa dei buoni benzina in regalo "per protesta contro il governo e la guerra" torna a colpire via WhatsApp. Il messaggio recita testualmente: "Da oggi tutte le stazioni Eni regaleranno...

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni OK