Il carrozziere figlio d'arte:
"Paiola è nato pignolo"

"Paiola è nato pignolo". Parla in terza persona, Sandro Paiola, carrozziere di Marano di Valpolicella (Vr) che ha fatto della qualità la sua bandiera professionale. Non è un caso che abbia scalato la classifica de L'Originale Ti Premia staccando il biglietto per il Madagascar a suon di acquisti di ricambi originali.

Ci presenta la sua carrozzeria?
L'ha fondata mio padre Giuseppe nel 1957, poi lui è mancato da un giorno all'altro e mi sono ritrovato a decidere sui due piedi che cosa fare. All'epoca ero in Polizia, ma è da quando avevo 7 anni che venivo in carrozzeria da papà, e ho scelto di proseguire la sua attività. Certo, se penso che i miei ex colleghi oggi parlano di pensione e a me mancano ancora 15 anni!
Sono titolare unico e ho due dipendenti, tre con mia moglie Anna in amministrazione. Abbiamo tre figli e nessuno di loro è qui, di questi tempi consigliare a un figlio di fare questo mestiere non è facile.
Comunque, rispetto agli inizi la struttura è raddoppiata, oggi sono circa 550 metri quadrati, ma lo spazio non è mai sufficiente, siamo al limite.

Tanto lavoro dunque?
Io non lavoro per le concessionarie e nemmeno per le flotte, solo per clienti privati e aziende. Entrano dai cinque agli otto veicoli a settimana, dall'utilitaria all'alto di gamma, oltre a qualche furgone sotto i 35 quintali. Ripariamo multimarca, ma le Ferrari è difficile che arrivino.

Non ha nominato le compagnie assicurative...
Sono fiduciario di Cattolica, con cui lavoro senza problemi, e di Vittoria, per cui farò una vettura all'anno (sempre meglio averla, vista la tendenza a 'rubarsi' i clienti). La clientela è locale, in un raggio di venti chilometri.

Il fatto che abbia vinto il viaggio premio autorizza a pensare che monta solo ricambi originali? 
Paiola è nato pignolo, però un quarto d'ora fa forse ho perso un lavoro perché non volevano spendere niente! Un tempo ero profondamente contrario a utilizzare ricambi che non fossero originali, ma qualche volta devo adeguarmi anch'io.
In ogni caso, il 70 per cento dei ricambi che monto sono originali. La differenza c'è nella precisione, le ho detto che sono pignolo, con l'originale sai che va sempre bene. Con i ricambi di concorrenza la precisione non c'è, ad adattare i pezzi è più il tempo che si perde e non viene nemmeno il risultato che voglio io!

Di Doc è contento?
Con Doc se non sono 20 anni che ci lavoro sono 15. Il primo viaggio con il consorzio l'ho fatto nel 2005! La consegna a domicilio, anche se purtroppo è una sola al giorno, funziona. L'azienda si comporta molto bene, se c'è un problema il promoter - Alessandro Eccli - è pronto a risolverlo, il servizio è ottimale. Una volta ero sempre in giro a prendere ricambi, adesso non mi muovo più.

Come ordina?
Per telefono e con WhatsApp, è un sistema molto veloce, basta una foto, e sono le stesse concessionarie a darti il numero. Ma devo vedere le nuove soluzioni, sia Integra che la App A-Service...

Perché scegliere Carrozzeria Paiola?
Per il risultato finale.

Com'è stato il Madagascar?
Da rifare. Alla fine ho corso, puntavo a quel viaggio, non me lo volevo proprio perdere, e anche se non ho comprato più di quello che mi serviva mi sono entrate le macchine giuste.
Di viaggi io e mia moglie ne facciamo ogni anno, in posti diversi. La carrozzeria l'affido ai miei ragazzi e noi partiamo.
Del Madagascar posso dirle viaggio ottimo, escursioni ottime, compagnia gradevole… Un viaggio di piacere. Il ricordo più bello? Io faccio ogni tanto immersioni e lì mi sono visto lo squalo balena a un metro!

  • Elettrico, non solo incentivi all'acquisto
    14 febbraio 2020 - Gli incentivi all'acquisto di un veicolo elettrico aiutano ma non bastano a determinare una mobilità più green. Secondo Carlo De Masi, presidente di Adiconsum, bisogna riconoscere il servizio di ricarica 'servizio pubblico', come già avviene per il rifornimento con carburanti fossili. Se l'obiettivo è raggiungere i 4 milioni di veicoli elettrici...

  • Spesa carburanti in calo nel 2019
    12 febbraio 2020 - Cinquantotto miliardi: è quanto hanno speso gli automobilisti e le imprese italiane, nel 2019, per l'acquisto di benzina e gasolio auto. Lo rivela una elaborazione del Centro Studi Promotor secondo cui la spesa del 2019 è inferiore del 2 per cento a quella del 2018. Questa contrazione deriva da due fattori. Il primo è il calo...

  • RC auto familiare verso il rinvio
    10 febbraio 2020 - Dovrebbe entrare in vigore domenica 16 febbraio, ma per la cosiddetta RC familiare inserita nel decreto Milleproroghe il condizionale è d'obbligo: il Pd ne chiede il rinvio al 16 giugno, il M5S al 30, Forza Italia e Italia Viva al 16 aprile. Mentre si attende il pronunciamento delle Commissioni Affari Costituzionali e Bilancio della Camera...

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni OK