Pietro Mirandola (Mirandola Trucks):
"Il nostro team service, veloce ed efficiente"

Nuovo ingresso nella compagine societaria DOC: si tratta della concessionaria Isuzu di Verona Mirandola Trucks, "nome diverso e ragione sociale nuova" di Officine Mirandola Veicoli Industriali. Ci spiega tutto l'Amministratore Pietro Mirandola.

Mirandola Trucks a Verona si presenta non come una nuova concessionaria ma come "un grande progetto in continua evoluzione". Ci può spiegare?
Diciamo che in realtà siamo relativamente nuovi. Come Officine Mirandola siamo una realtà consolidata da tanti decenni nella vendita di veicoli commerciali e industriali, soprattutto come Isuzu, marchio del quale siamo anche importatori tramite un'altra nostra azienda. Abbiamo deciso di aprire questa nuova filiale in zona industriale a Verona per essere più capillari e curare meglio le vendite e l'assistenza nella parte che la sede della bassa veronese fatica a seguire bene per questioni geografiche: Verona centro, Lago di Garda, Verona Est, Valpolicella, Lessinia e provincia di Vicenza. Quindi siamo un grande progetto perché esistiamo da tanto e abbiamo sempre venduto molto, ma "in continua evoluzione" perché far meglio è sempre possibile e deve sempre essere l'obiettivo.

Ci vuole coraggio ad aprire in questo tempo di post-pandemia?
Ci vuole sempre coraggio ad aprire, ma per fortuna, come le dicevo, siamo una realtà consolidata da tanti decenni. Per quanto riguarda questa sede di Verona abbiamo deciso di aprire con nome diverso e ragione sociale nuova (Mirandola Trucks Srl), ma il parco circolante Isuzu a Verona e dintorni è ampio e la clientela è vasta e ci conosce già. Per fortuna non apriamo 'da zero' ma dobbiamo solo continuare il lavoro che ha fatto in questa zona l'altra nostra azienda, Officine Mirandola, con cui ci divideremo il lavoro nella vastissima provincia di Verona (dalla parte più meridionale a quella più settentrionale della provincia penso siano un centinaio di chilometri).

"La nostra vision è un mondo Isuzu a 2 o 4 ruo te". La realtà dei fatti autorizza a pensare in grande?
Direi che ci sono tutti i presupposti. Isuzu è un marchio di qualità e conosciuto. Il lavoro procede bene nonostante la pandemia, fortunatamente i nostri mezzi sono molto apprezzati soprattutto in settori che non si sono mai dovuti fermare a causa dei vari lockdown dello scorso autunno/inverno: edilizia, scavi, agricoltura, raccolta rifiuti, e piccole e medie aziende in genere.
Essere efficaci nell'assistenza post vendita e nella vendita di ricambi uniti alla qualità dei camion e pick up che vendiamo ci autorizza a pensare in grande.

Posso chiederle di accompagnarmi, virtualmente, in visita guidata nella nuova sede di Via Adriano Garbini, soffermandoci in particolare nell'area post vendita?
Certamente. Siamo a poche centinaia di metri dal casello di Verona Sud, vicinissimi all'Area Fiera di Verona. Attualmente disponiamo di una officina e magazzino ricambi di circa seicento metri quadri. I tre ragazzi che lavorano tra officina e magazzino nonostante la giovane età (eccetto l'addetto alle vendite il secondo più anziano dell'azienda sono io che ho 31 anni) lavorano sui mezzi Isuzu già da molti anni visto che li abbiamo portati con noi da Officine Mirandola ed erano tutti lì sin da giovanissimi, quindi conoscono benissimo il prodotto. L'attrezzatura di officina è invece stata acquistata interamente nuova: ponte, colonne mobili, compressore, computer, macchinari e attrezzatura varia. Presto inizieremo i lavori anche nella parte adiacente a officina e magazzino: allestiremo uno showroom espositivo di oltre mille metri quadri restaurando un fabbricato già esistente, e in cui sposteremo la parte commerciale dell'azienda, mentre ora addetto alle vendite e impiegata commerciale sono temporaneamente negli uffici dell'officina. Questo showroom sarà pronto attorno alla metà del 2022 - ma nel frattempo siamo già operativi al 100 per cento anche con la vendita di veicoli - e ci permetterà solamente di ampliare il nostro spazio espositivo.

Come ha maturato la decisione di aderire a DOC?
Entrare a far parte di DOC significa usufruire delle competenze e della professionalità di un'organizzazione ben radicata territorialmente e su cui moltissime concessionarie, officine e carrozzerie fanno affidamento, soprattutto grazie all'efficienza nel coordinamento logistico e alle consegne in tempi brevi. Solo in una rete coesa e ben organizzata si possono cogliere le più importanti opportunità di un mercato sempre più frazionato e competitivo. 

Siete concessionari Isuzu per Verona e Vicenza, entrambe realtà servite dal consorzio. DOC sarà l'arma in più?
In un momento storico come questo in cui l'approvvigionamento dei veicoli da vendere è particolarmente difficile a causa della mancanza di componenti e del ritardo/aumento dei costi dei trasporti, e in cui quindi non riusciamo a soddisfare totalmente la richiesta di vendita di veicoli nuovi da parte della clientela, la vendita di ricambi è ancor più del solito una parte fondamentale nel permettere a una nuova concessionaria di mantenersi e creare valore. Fortunatamente i magazzini ricambi Isuzu per l'Italia sono solo a una trentina di chilometri in linea d'aria da noi e sempre fornitissimi. Quindi sì, DOC sarà la nostra arma in più. Non solo ora ma anche quando la situazione mondiale dell'approvvigionamento sarà finalmente stabilizzata, per permettere a tutti gli affiliati DOC di avere ricambi originali Isuzu sempre negli stessi tempi brevi.

DOC ha spinto molto sull'informatizzazione dei sistemi. Pensi solo alla App A-Service, ad ARiA… Crede che i riparatori clienti terranno il passo? O preferiranno telefonare a Umberto Leardi?
Io credo che la miglior cosa sia una unione dei due sistemi, senza trascurare nessuno dei due. Bene la spinta sull'informatizzazione che può aiutare a velocizzare i processi, ma il nostro Umberto avrà sempre il telefono vicino a sé per soddisfare ogni richiesta telefonica nel minor tempo possibile.

Le nuove tecnologie si accompagnano al maggior bisogno di assistenza da parte del riparatore indipendente: come risponderà Mirandola Trucks?
Con efficienza e velocità. Come dicevo, il team service di Mirandola Trucks è composto da tutti ragazzi giovani tra i 22 e i 31 anni, ma allo stesso tempo lavorano sui veicoli Isuzu da anni e quindi conoscono il prodotto, sono ragazzi estremamente veloci ed efficienti con computer e nuove tecnologie e soprattutto hanno dalla loro quella che è la virtù principale nel mondo del lavoro: fame e voglia di imparare.

  • È la Norvegia il Paese più “elettrico”
    22 ottobre 2021 - Il diesel continua il suo crollo di fronte all'elettrificazione del mercato automobilistico europeo: nel terzo trimestre sono state vendute più auto ibride che diesel. Lo rende noto l'Acea, l'associazione dei costruttori. Gli ibridi non plug-in sono al secondo posto con il 20,7 per cento della quota di mercato, dietro alla benzina (39,5 per cento) ma davanti...

  • La mobilità è sempre più green
    20 ottobre 2021 - Consumatori, imprese ed enti locali al centro delle rilevazioni dell'Osservatorio E-MOBILITY 2021 di Nomisma presentate al convegno sulla mobilità circolare organizzato a Bergamo da SIFÀ. Dalle risposte di 1.200 consumatori emerge che 1 italiano su 3 ha pensato all'acquisto di una nuova auto e, tra questi, il 27 per cento ne è effettivamente...

  • Mercato Europa: a settembre nuovo crollo
    18 ottobre 2021 - A settembre è di nuovo in forte discesa la curva delle immatricolazioni di auto in Europa. Nel mese scorso si è ulteriormente accentuata la tendenza al ribasso avviata in estate, e con 972.723 auto immatricolate nei 30 paesi del panel (UE+UK+EFTA) si è registrato un calo del -25,2 per cento sul 2020. Il cumulato dei nove...

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni OK