Luca Bortolameazzi (Garda Trucks):
"Madagascar, ripartirei domani mattina"

"Bellissimo tutto, il posto, le escursioni, la compagnia, l'organizzazione... ripartirei domani mattina". È a dir poco entusiasta, Luca Bortolameazzi, del viaggio premio AsConAuto che lo ha portato in Madagascar: "Erano 15 anni che io e mia moglie non facevamo una vacanza, tra casa e capannone finisce che si lavora e basta". Qualcosa, però, sta cambiando. Già titolare di Autocar Service a Castelnuovo del Garda, nel 2015 l'autoriparatore veronese ha deciso che era ora di passare le consegne.

Ai vostri figli?
Mirco di 24 anni e Marco di 27. Insieme a mia moglie, sono i titolari di Garda Trucks, sempre a Castelnuovo del Garda. Io lavoro ancora, ma ad un certo punto bisogna fare spazio e lasciare che imparino a stare al mondo.

L'anima resta l'assistenza ai mezzi pesanti?
Ho lavorato per dieci anni in Iveco, e quando mi sono messo in proprio, nel 2002, sono stato da subito autorizzato Renault Trucks. Ancora oggi che ripariamo mutimarca i trucks rappresentano il 70 per cento dell'attività: entrano Renault, Scania, Iveco, Man, Volvo... E poi un 20 per cento di veicoli commerciali e un 10 per cento di auto.

Meccanica pura?
Meccanica, qualcosa di carrozzeria, e anche revisioni. Abbiamo 1.500 metri quadrati coperti e le facciamo già, ma stiamo costruendo un capannone dedicato alle revisioni dei veicoli pesanti. Stiamo aspettando che passi la nuova legge - si parla dell'anno prossimo - per cui basta un 'patentino' che può prendere anche l'autoriparatore; oggi, invece, la firma la deve mettere un ingegnere.

Rispetto ai ricambi qual è la politica Bortolameazzi?
Dipende da quello che dice il cliente. Di questi tempi in cui basta andare su internet per sapere che cosa costa un ricambio originale e uno di concorrenza, se la frizione della Renault costa duemila euro e quella di concorrenza ne costa mille sei costretto a montargli il ricambio di concorrenza, se no perdi il cliente.
È più facile montare l'originale sulle auto. Io ci ho sempre creduto, nell'originale, soprattutto per i pezzi che possono mettere a rischio la sicurezza: lavori con una diversa qualità e sei tranquillo.

Di Doc che cosa mi dice?
Siamo clienti da sempre, anche prima che ero Autocar Service. Io sono fuori zona rispetto a tante concessionarie, e con Doc non mi muovo più. Sono puntuali, è un servizio che funziona benissimo.
Anche con le concessionarie - Bendinelli, Ren Car, Trivellato... - ci troviamo bene, lavoriamo bene con tutte.

Ha provato la nuova App A-Service per ordinare i ricambi?
Io uso il telefono, al massimo la mail. Siamo sempre di corsa, i clienti - soprattutto se guidano un camion - devono andare subito. Non prendono appuntamento, non telefonano neanche, arrivano e ti dicono: "Ho fretta, quanto costa, quando me lo dai?".

Massima disponibilità in Garda Trucks?
Siamo disponibili giorno e notte, abbiamo un carro attrezzi per le vetture e un'officina mobile per i camion. Hanno il mio cellulare e chiamano: "Sono a Milano", "Che cosa ti è successo?", "Si è rotta la sospensione". E io prendo e parto. In passato il viaggio più lungo l'ho fatto a Santiago di Compostela, duemilaseicento chilometri per cambiare un pezzo che là non c'era; ma il camion doveva ripartire..

  • Elettrico, non solo incentivi all'acquisto
    14 febbraio 2020 - Gli incentivi all'acquisto di un veicolo elettrico aiutano ma non bastano a determinare una mobilità più green. Secondo Carlo De Masi, presidente di Adiconsum, bisogna riconoscere il servizio di ricarica 'servizio pubblico', come già avviene per il rifornimento con carburanti fossili. Se l'obiettivo è raggiungere i 4 milioni di veicoli elettrici...

  • Spesa carburanti in calo nel 2019
    12 febbraio 2020 - Cinquantotto miliardi: è quanto hanno speso gli automobilisti e le imprese italiane, nel 2019, per l'acquisto di benzina e gasolio auto. Lo rivela una elaborazione del Centro Studi Promotor secondo cui la spesa del 2019 è inferiore del 2 per cento a quella del 2018. Questa contrazione deriva da due fattori. Il primo è il calo...

  • RC auto familiare verso il rinvio
    10 febbraio 2020 - Dovrebbe entrare in vigore domenica 16 febbraio, ma per la cosiddetta RC familiare inserita nel decreto Milleproroghe il condizionale è d'obbligo: il Pd ne chiede il rinvio al 16 giugno, il M5S al 30, Forza Italia e Italia Viva al 16 aprile. Mentre si attende il pronunciamento delle Commissioni Affari Costituzionali e Bilancio della Camera...

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni OK