Filipozzi Service in Val D'Alpone,
la storia di una rinascita

"Papà, hai insegnato a lui, puoi insegnare a me". Si è impuntata Federica Filipozzi, non per un capriccio ma per amore del fratello, scomparso giovanissimo. Comprensibile che il padre volesse vendere tutto, commovente che la figlia non glielo abbia permesso. Oggi, a distanza di quasi cinquant'anni, Filipozzi Service a Montecchia di Crosara (Vr) continua a essere un punto di riferimento per la Val d'Alpone. Siamo andati a conoscere l'artefice di questa rinascita.

È partito tutto da vostro padre?
Renato, che ha fondato la carrozzeria nel 1973. Nel 1989 ci siamo voluti specializzare ulteriormente, diventando anche gommisti e meccanici. 
In quegli anni ero fidanzata con Mirco Caltran, oggi mio marito, e con lui ho deciso di affiancare papà in azienda, per amore di mio fratello, che aveva seguito le sue orme giovanissimo, e dei miei genitori.

Eravate volenterosi ma inesperti?
Esatto. In quegli anni c'erano papà che era un battilamiera, dei contrattisti, e io e Mirco che dovevamo imparare. Poi con il tempo ci siamo specializzati, grazie anche a diversi corsi di formazione. 
Oggi siamo soci titolari io e mio marito, abbiamo un dipendente e ci danno una grossa mano i nostri figli, Lisa che ha 21 anni, studia Infermieristica e gestisce i social, e Mattia che ne ha 17 anni, frequenta il Liceo Scientifico delle Scienze applicate e il sabato viene in azienda. Dalle nostre parti si dice: "Impara l'arte e mettila da parte".

Una regola universale. Come sta andando il lavoro in questo anno così anomalo?
Nonostante il Covid, l'anno scorso abbiamo rinnovato sia la carrozzeria che l'officina, mille metri quadrati coperti complessivi affacciati su un piazzale di 1.500.
La carrozzeria resta l'attività principale, però i reparti di officina meccanica e gomme stanno crescendo. Il cliente è servito in ogni sua esigenza. Carro attrezzi, veicolo sostitutivo, auto e furgone a noleggio... Dopo essere stati scelti come punto di riferimento della vallata, abbiamo potuto investire fino a poco prima l'inizio della pandemia, acquistando l'attrezzatura per riparare i sistemi avanzati di assistenza alla guida.

Che cosa entra al civico 7 di Via Costo?
Quello che circola, auto e veicoli commerciali fino ai 35 quintali multimarca. Molte BMW, Audi, Mercedes, qualche Porsche, si va anche verso l'alta gamma.
Se c'è l'assicurazione di mezzo non c'è mai nessun problema, il privato o qualche azienda magari chiede dilazioni sui pagamenti. Il grosso comunque è un cliente assicurativo (siamo convenzionati con Cattolica, Tua, Fata, Sara, Itas).

Che ricambi utilizzate?
Per la maggior parte ricambi originali, soprattutto sulle macchine nuove. Se l'auto è datata, magari ha 12-13 anni, a volte non ci stai dentro con i prezzi e devi ripiegare sulla concorrenza o sull'usato, purtroppo, ma si cerca sempre di rendere la qualità dell'originale.
Facciamo l'ordine, sempre per telefono perché a me piace sentire la voce, e se il ricambio è in magazzino nel pomeriggio arriva. Siamo clienti DOC da più di dieci anni, abbiamo una sola consegna ma puntualissima. E se c'è qualche problema Alessio (Piscitelli, promoter di riferimento, nda) in un attimo risolve. Fantastici i ragazzi che seguono la nostra carrozzeria, sia Alessio che Luca, l'autista. Educati, gentili, nulla da dire.

Soddisfatta anche delle concessionarie socie?
Essere DOC aiuta se hai bisogno di assistenza. Do il codice DOC e chiedo. Poi c'è sempre il magazziniere più preparato, ma in un modo o in un altro, magari mandando la foto del ricambio che serve, se ne viene a capo.

Siete in cima a una collina. Come si arriva in Filipozzi?
Con il passaparola. Sono tanti i clienti che vengono da noi perché sono stati consigliati da un amico. Trovano un ambiente sereno, ci dicono che facciamo bene il nostro lavoro - che vuol dire anche riconsegnare la macchina sanificata e pulita dentro e fuori - e che siamo sorridenti, gentili e sempre disponibili.

Progetti a breve termine?
Su consiglio di Alessio stiamo facendo i corsi con AsConAuto Academy, a giorni è in programma quello sui veicoli ibridi ed elettrici e il corso F-Gas. Mio marito dice che è meglio che li faccia io...

  • È la Norvegia il Paese più “elettrico”
    22 ottobre 2021 - Il diesel continua il suo crollo di fronte all'elettrificazione del mercato automobilistico europeo: nel terzo trimestre sono state vendute più auto ibride che diesel. Lo rende noto l'Acea, l'associazione dei costruttori. Gli ibridi non plug-in sono al secondo posto con il 20,7 per cento della quota di mercato, dietro alla benzina (39,5 per cento) ma davanti...

  • La mobilità è sempre più green
    20 ottobre 2021 - Consumatori, imprese ed enti locali al centro delle rilevazioni dell'Osservatorio E-MOBILITY 2021 di Nomisma presentate al convegno sulla mobilità circolare organizzato a Bergamo da SIFÀ. Dalle risposte di 1.200 consumatori emerge che 1 italiano su 3 ha pensato all'acquisto di una nuova auto e, tra questi, il 27 per cento ne è effettivamente...

  • Mercato Europa: a settembre nuovo crollo
    18 ottobre 2021 - A settembre è di nuovo in forte discesa la curva delle immatricolazioni di auto in Europa. Nel mese scorso si è ulteriormente accentuata la tendenza al ribasso avviata in estate, e con 972.723 auto immatricolate nei 30 paesi del panel (UE+UK+EFTA) si è registrato un calo del -25,2 per cento sul 2020. Il cumulato dei nove...

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni OK