Carrozzeria Conti Rino tra le 23
Botteghe storiche di Verona

Ragazzo, progetta di "girare l'Italia e l'Europa in lungo e in largo". Poi però Carrozzeria Conti Rino a Verona, avviata dal padre nel 1960, lo assorbe al punto che per il giovane Luca, oggi 52enne, diventa la sua professione. Che lo impegna giorno e (parte) della notte.

Ha così tanto lavoro?
Tanto lavoro e poco personale. A trovarli, avrei altri due-tre dipendenti oltre all'unico che ho. Continuo a cercare, non stagisti ma figure già formate.

Il Rino della ragione sociale è ancora operativo?
Papà si è ritirato ufficialmente nel 1996, nel momento in cui mi ha lasciato l'attività. I suoi erano altri tempi, il cliente ci teneva di più, veniva due volte l'anno a lucidare la macchina. Anche le verniciature erano fatte in modo diverso, si carteggiava tutto ad acqua, quando è uscita la carteggiatura a secco nessuno ci credeva.
Di quell'epoca abbiamo mantenuto il sistema di lavorazione, oggi però utilizziamo le nanotecnologie, la pulizia degli interni - che vuol dire igienizzare e sanificare con l'ozono - è certificata, anche per un intervento veloce mettiamo i coprisedili e sanifichiamo sempre chiavi e abitacolo. Il cliente apprezza.

Clientela privata?
Solo privata. La nostra fortuna è che in piena pandemia c'è stata una grandinata che ci ha fatto lavorare parecchio. In ogni caso, non abbiamo mai sottoscritto convenzioni per politica interna, sono uno che ha lottato molto per il costo orario del carrozziere. Purtroppo, per come corre il mercato, temo che anch'io dovrò diventare fiduciario: gli assicuratori ci 'portano via' i clienti, li chiamano a casa dicendo che devono andare nelle carrozzerie convenzionate.

'Cederà' anche ai noleggiatori?
No, non mi piace lavorare male. Con loro lavori sottocosto, quindi male. Ma la macchina che esce da Carrozzeria Conti porta la mia firma, c'è scritto che l'ha fatta Luca come da insegnamento di Rino Conti, ed è quello che vuole il mio cliente: una macchina fatta bene.

Utilizzando che tipo di ricambi?
Originale, è sempre meglio. Non ha difetti e anche il materiale è superiore a quello di concorrenza. L'alternativo si usa solo se il valore commerciale dell'auto è inferiore a quello della riparazione.
Faccio l'ordine - uso il telefono, preferisco confrontarmi con l'operatore, so con chi ho parlato e che cosa gli ho ordinato e, se il ricambio arriva sbagliato, e può succedere, so a chi rivolgermi - e DOC consegna. Saranno 15 anni che lavoriamo con il consorzio. Non ci siamo affiliati subito perché non avevamo capito bene che servizio offrisse e perché i nostri ricambisti ci fornivano l'originale. Poi i concessionari si sono evoluti, hanno iniziato a consegnare e con DOC si è visto subito il vantaggio di fare un ordine unico e di ricevere i ricambi tutti in una volta.
I ragazzi sono veramente bravi, se ho un'urgenza Alessio (Piscitello, promoter di riferimento, nda) fa di tutto per accontentarmi. Anche dall'ufficio DOC la segretaria mi ha sempre aiutato.

Direbbe lo stesso delle concessionarie?
Funziona tutto bene, spesso si presentano in carrozzeria i loro venditori esterni. È bello, ti conosci. Se abbiamo bisogno, magari per una diagnosi, prendiamo un appuntamento e andiamo direttamente in concessionaria. Comprando i ricambi da loro è lo stesso magazziniere che ci mette in contatto con il capofficina, e se non hanno tempo ci indirizzano sulle officine autorizzate.

Carrozziere e basta?
Per tutto il resto - gomme, tagliandi, revisioni... - suggerisco al cliente di andare dal suo meccanico, a volte chiamo io stesso il collega. Non ci portiamo via il lavoro l'un l'altro.

Che cosa ripara?
L'auto dell'operaio e quella dell'imprenditore, e non facciamo distinzioni. Che la macchina valga mille o centomila euro, il cliente dovrà essere contento del risultato nello stesso modo.
Sta arrivando l'elettrico, abbiamo ottenuto l'attestato Pes-Pav-Pei per mettere le vetture in sicurezza, il futuro è quello. Io amo l'auto elettrica, sto meditando di acquistarne una, se non fosse per gli investimenti recenti...

Ha ristrutturato il capannone di Via Antonio Pisano?
Siamo restati chiusi sei mesi. È partito tutto dall'alluvione del 2020, che ha creato problemi alla struttura interna; avremmo dovuto limitarci a rifare il controsoffitto, ma il commercialista ci ha consigliato di sfruttare il piano di ammortamento Industria 4.0 per sostituire anche le attrezzature. Il Covid ci ha messo del suo allungando i tempi.
Oggi abbiamo un centro tecnico di 400 metri quadrati coperti, con un forno modernissimo che si apre anche lateralmente, a beneficio di chi ci lavora e non si sente chiuso in una scatola. Usiamo tutte le protezioni, dai prodotti all'acqua al forno a carboni attivi. È anche una questione di impatto sull'ambiente, ci teniamo ad abbattere il più possibile le emissioni inquinanti.

Un modo intelligente di guardare al futuro...
Il problema è che, avendo una figlia che nella vita fa tutt'altro, Carrozzeria Conti Rino non avrà un futuro. Intanto, però, mi ha fatto piacere ricevere la targa di Bottega storica che il Comune di Verona assegna alle attività imprenditoriali che hanno superato i quarant'anni. Eravamo in 23. C'è stata la cerimonia in municipio 15 giorni fa ed è stato bello, ha dato importanza al lavoro fatto in questi anni.

  • Multe, Milano batte tutte
    15 agosto 2022 - È Milano a guidare la classifica delle città italiane che nel 2021 hanno incassato di più grazie alle multe stradali (102,6 milioni di euro per sanzioni da violazione del codice, di cui quasi 13 da autovelox), ma a Bologna spetta il primato della sanzione media procapite più elevata (96 euro). Sono dati pubblicati sul portale del Ministero dell'Interno...

  • Assicurazioni, il settore auto non cresce
    13 agosto 2022 - Diminuisce la raccolta premi del settore vita, che nel primo trimestre 2022 è stata di 27,3 miliardi di euro, l'8,8 per cento in meno rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso; in aumento quella del settore danni, che è stata di 10,2 miliardi, il 4,6 per cento in più rispetto al primo trimestre 2021. Lo rende noto l'Ivass, l'Istituto per la Vigilanza...

  • Buoni benzina, truffa via WhatsApp
    10 agosto 2022 - Comparsa per la prima volta a marzo, nei giorni immediatamente successivi all'invasione dell'Ucraina, e prontamente segnalata dal sito Bufale.net, la truffa dei buoni benzina in regalo "per protesta contro il governo e la guerra" torna a colpire via WhatsApp. Il messaggio recita testualmente: "Da oggi tutte le stazioni Eni regaleranno...

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni OK