Spinnato, di Carrozzeria G.T.:
"Lavorare in famiglia è meglio"

Da titolare in società con il figlio minore, Filippo, a dipendente. È la scelta lungimirante fatta da Angelo Spinnato, oggi 54 anni, nel momento in cui il più grande, Salvatore, ha accettato di entrare a far parte dell'azienda di famiglia: "Se possiamo stare bene in famiglia è meglio".
Ecco Carrozzeria G.T. di Rosà, in provincia di Vicenza, raccontata da Filippo Spinnato.

Partiamo dall'anno?
2015, quando siamo diventati soci titolari io e mio fratello. La carrozzeria in realtà è stata fondata nel 1973, io e nostro padre siamo ex dipendenti, mentre mio fratello faceva un altro mestiere, si occupava di e-commerce.
Papà, che l'aveva rilevata con me, ha deciso di diventare dipendente quando è entrato Salvatore.

Gli date ordini?
Dare ordini a papà? Sa benissimo che cosa fare. Io sono quello che segue il cliente, l'ufficio, i preventivi... e qualche volta mette la tuta blu; Salvatore è l'anima commerciale.
Abbiamo altri due dipendenti in una struttura di 700 metri quadrati complessivi, 400 di area operativa e il resto uffici, cortile, parcheggi. Ci va stretta sì, ma se ci spostiamo è per comprare (oggi siamo in affitto).

Intanto investite in attrezzature?
Abbiamo appena montato la cabina di verniciatura nuova e il piano aspirante nuovo, siamo all'avanguardia. Siamo convinti che con le attrezzature più recenti ottimizzi la lavorazione, fai meno fatica e in più il risultato finale è migliore.

I clienti apprezzano?
Apprezzano la serietà, il servizio, le tempistiche, la gentilezza. La passione per le macchine fa tanto. Consegnarla pulita, in ordine, profumata... Se crei questo impatto visivo, il cliente è più fiducioso e incentivato a tornare. Il passaparola è tutto. Fai tanta fatica a far partire la pubblicità positiva, guai a interromperla. Se va a leggere le nostre pagine Facebook vedrà che le recensioni sono tutte positive.

Quanto si lavora in Via Martiri del Grappa?
Anche senza le grandinate di questo periodo, da quando l'abbiamo rilevata non siamo mai stati con le mani in mano. Sempre in crescita dal 2015: siamo partiti io e mio padre e in quattro anni siamo passati da due a cinque persone.
Ripariamo dalle 30 alle 40 macchine al mese, multimarca.
Siamo convenzionati con Gruppo Allianz e Gruppo Zurich e dall'agenzia, perché è a livello locale che costruisci il rapporto con le assicurazioni, qualcosa arriva sempre. Credo ben poco a quelli che dicono "zero convenzioni, a casa mia comando io...".

Siete carrozzeria pura?
Siamo registrati in Camera di Commercio come autoriparatori, ma siccome siamo già abbastanza incasinati di nostro ci limitiamo alla meccanica legata al sinistro. Se l'intervento è più pesante abbiamo un'officina vicina a cui appoggiarci.
Il sogno nel cassetto è il centro servizi, bisogna sempre sognare in grande, ma prima dobbiamo trasferirci.

La parola d'ordine di Carrozzeria G.T.?
Qualità. Puntiamo tutto sulla qualità, usando prodotti di verniciatura top di gamma, dando l'auto sostitutiva... Io lo dico sempre ai miei clienti: sarò 50 euro più caro di qualche collega ma sulla qualità non sono secondo a nessuno.

Il concetto qualità si declina anche in tema di ricambi? 
Con il cliente facciamo il doppio preventivo ma consigliamo sempre l'originale. Perché premia: facciamo meno fatica, il risultato paga e abbiamo anche più sconti. Con l'assicurazione ti puoi permettere di lavorare con l'originale. Lo paga, perché non prenderlo?

Quando è originale arriva in G.T. con Doc?
Ho conosciuto Doc tramite Mirko Gnesotto, che vedevo dove lavoravo anche prima. Persona squisita, sempre a disposizione. Niente da dire sul servizio. Abbiamo una consegna al giorno e quando è capitata l'urgenza è partito Mirko per farci contenti, per farci avere in giornata il ricambio.
Ordino per telefono e via mail. Mi piace fare due chiacchiere con il magazziniere, riesci a 'rubare' qualcosa in più di sconto. Ho portato mio fratello in azienda per questo!

Con le concessionarie come va?
Siamo in buoni rapporti. Io se posso preferisco fare da me, se riesco a risolvere il problema da solo è meglio. Ma è capitato di avere bisogno di assistenza e loro ci sono.

Mi tolga una curiosità: chi oltre a riparare gareggia?
Corro solo io, su una Clio Cup RS, ma papà faceva lo slalom in salita. Adesso ho cominciato io, ho fatto due gare di campionato italiano cronoscalata ottenendo un primo posto di classe e un secondo di classe.
Prossima gara la Pedavena Croce d'Aune, il 21 ottobre. Faremo di tutto per esserci, ma le tempistiche lavorative non aiutano. La gara ti richiede di partire venerdì per essere al top sabato e domenica. In questo periodo siamo full tra grandinate e ordinario, lavoro ce n'è. Decideremo all'ultimo.

  • Elettrico, non solo incentivi all'acquisto
    14 febbraio 2020 - Gli incentivi all'acquisto di un veicolo elettrico aiutano ma non bastano a determinare una mobilità più green. Secondo Carlo De Masi, presidente di Adiconsum, bisogna riconoscere il servizio di ricarica 'servizio pubblico', come già avviene per il rifornimento con carburanti fossili. Se l'obiettivo è raggiungere i 4 milioni di veicoli elettrici...

  • Spesa carburanti in calo nel 2019
    12 febbraio 2020 - Cinquantotto miliardi: è quanto hanno speso gli automobilisti e le imprese italiane, nel 2019, per l'acquisto di benzina e gasolio auto. Lo rivela una elaborazione del Centro Studi Promotor secondo cui la spesa del 2019 è inferiore del 2 per cento a quella del 2018. Questa contrazione deriva da due fattori. Il primo è il calo...

  • RC auto familiare verso il rinvio
    10 febbraio 2020 - Dovrebbe entrare in vigore domenica 16 febbraio, ma per la cosiddetta RC familiare inserita nel decreto Milleproroghe il condizionale è d'obbligo: il Pd ne chiede il rinvio al 16 giugno, il M5S al 30, Forza Italia e Italia Viva al 16 aprile. Mentre si attende il pronunciamento delle Commissioni Affari Costituzionali e Bilancio della Camera...

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni OK