Eco-manutenzione: si può fare

Potrebbero passare anni, addirittura decenni prima di riuscire a centrare gli obiettivi Ue in materia di riduzione di CO2 e altre emissioni inquinanti. A lanciare l'allarme è Jacques Rifflart, presidente dell'Association Eco Entretien (AEE) che raggruppa i professionisti post-vendita automobilistici francesi ed europei, che ha diffuso i risultati di uno studio secondo cui occorrerebbero 40 anni per arrivare, in Francia, a un parco circolante completamente 'verde', anche immatricolando, e siamo nel campo delle ipotesi, un milione di veicoli elettrici ogni 12 mesi.

"Se i francesi usano ancora la loro auto con motore benzina o diesel", ha detto Rifflart, "è perché ne hanno bisogno. Se non la cambiano, non è per ribellione, è semplicemente perché non possono permetterselo". Fermo restando la difficoltà a diventare 'verdi' soltanto attraverso l'acquisto e l'uso di modelli 100% elettrici, anche con incentivi statali, Rifflart ritiene si debba agire sulla manutenzione dei milioni di auto e di mezzi commerciali che circolano sulle strade.

Ed ecco il principio della eco-manutenzione, sancito da una legge francese e consultabile tra i documenti della nostra Camera dei Deputati. Punto centrale dell'eco-manutenzione è la sistematica analisi dei gas di scarico, che permette di stabilire una diagnosi, identificare le cause dell'inquinamento dei veicoli e trattarle. Un veicolo sottoposto a screening e quindi manutenuto sotto l'etichetta di manutenzione ecologica è un veicolo che può ridurre il suo consumo di carburante e quindi di emissione di CO2 di quasi il 10 per cento, di NOX fino al 50 e di particolato dell'80 per cento.

A questo scopo l'Association Eco Entretien ha lanciato l'etichetta Eco Maintenance che punta a trasferire a tutta la filiera dei controlli e della manutenzione il forte impegno da parte dei professionisti post-vendita per contribuire con interventi rapidi, economicamente sostenibili e attuabili sulla maggioranza dei veicoli in circolazione alla riduzione delle emissioni di CO2.

  • Motore elettrico: dal 2027 il meno costoso
    10 maggio 2021 - Entro il 2027 in Europa i veicoli elettrici avranno un prezzo inferiore rispetto a quelli con il tradizionale motore benzina o diesel. Il risultato, decisamente inatteso in tempi così rapidi, è contenuto in un approfondito rapporto stilato da Bloomberg. Secondo questo studio entro il 2035 nell'Unione si venderanno in via pressoché esclusiva...

  • Auto, il digitale crea lavoro
    8 maggio 2021 - Dai progili digitali a quelli più tecnici, l'automotive ha fame di nuove professionalità. Lo sostiene MotorK, provider che vanta diverse partnership con Case auto e concessionari, che stima in circa 10mila i nuovi posti di lavoro che si potrebbero creare solo nella distribuzione auto da qui ai prossimi tre-cinque anni grazie al digitale. Ma quali...

  • Tasse sui veicoli: il tesoretto europeo
    5 maggio 2021 - Ammonta a 398 miliardi di euro il gettito fiscale che arriva nelle casse dei principali Paesi della Ue dalle imposizioni nei confronti delle auto e dei veicoli a motore. Ad essere più "tartassati" sono gli utenti del Belgio che pagano 3.187 euro all'anno per ogni auto, mentre la quota più bassa sui singoli automobilisti tocca agli spagnoli...

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni OK